Newsletter

BELGIO. Covid-19: le misure del Governo a supporto di imprese e cittadini


Le amministrazioni a livello globale stanno mettendo in atto o stanno prendendo in considerazione misure a sostegno dei contribuenti nel loro complesso o solo per alcune classi di contribuenti interessati dall'epidemia COVID-19.
Le misure per i singoli contribuenti si concentrano in genere sulla prevenzione delle difficoltà e sulla riduzione degli oneri, date le restrizioni in vigore in diversi paesi.
Le misure per le imprese, sia per le persone giuridiche che per i lavoratori autonomi, si concentrano generalmente sull'aiutare ad alleviare i problemi di liquidità per evitare l'aumento di licenziamenti dei lavoratori, l'incapacità temporanea di pagare i debiti e, nei casi peggiori, la chiusura o il fallimento.



Estensione delle scadenze

I termini per la presentazione delle dichiarazioni dei redditi per l'imposta sul reddito delle società, l'imposta sulle persone giuridiche e l'imposta sul reddito delle società non residenti sono stati prorogati dal 16 marzo al 30 aprile 2020.

Per quanto riguarda l'imposta sul valore aggiunto (IVA), le scadenze per la presentazione delle dichiarazioni sono state prorogate al 6 maggio 2020 (per il mese di febbraio 2020) e al 7 maggio 2020 (per le dichiarazioni IVA relative al mese di marzo 2020 e le dichiarazioni IVA del primo trimestre).

Per le società neo-costituite o aventi diritto che desiderano ottenere il rimborso IVA mensile, il periodo di deposito della richiesta di rimborso è stato prorogato fino al 24 del mese successivo al periodo di riferimento.

Sono stati inoltre prorogati i termini di presentazione degli elenchi INTRASTAT per le vendite intracomunitarie (con le stesse scadenze per l’invio della dichiarazione IVA).

Il termine per la presentazione degli elenchi INTRASTAT su base annuale per le vendite intracomunitarie è stato prorogato al 30 aprile 2020.

Per quanto riguarda i pagamenti delle imposte, le società hanno diritto a una proroga automatica di due mesi, senza sanzioni o interessi, sia per versare per pagare le ritenute d’acconto che l'IVA (con un tempo utile di quattro mesi invece di due mesi).

Inoltre, le società e le persone fisiche beneficiano di una proroga automatica di due mesi, senza sanzioni o interessi, per versare l'imposta sul reddito delle persone fisiche, l'imposta sul reddito delle società, l'imposta sul reddito dei non residenti e l'imposta sulle persone giuridiche, relative all'anno imponibile 2019 liquidate dopo il 12 marzo 2020 (un totale di quattro mesi invece di due mesi). Per i pagamenti relativi all'imposta sul reddito delle persone fisiche e all'imposta sul reddito delle società liquidate entro il 12 marzo 2020, possono essere applicate le misure caso per caso di cui sopra.

Differimento dei pagamenti

Il periodo di pagamento per qualsiasi debito fiscale sorto dal 12 marzo 2020 è prorogato di 2 mesi senza applicazione di interessi.

Per quanto riguarda l'imposta sul reddito delle persone fisiche e l'imposta sul reddito delle società, questa misura si applicherà anche ai debiti fiscali sorti prima del 12 marzo 2020.

Per le accise sull'alcol e su tutte le bevande il periodo di pagamento è esteso da 1 settimana a 4 settimane.

Remissione di sanzioni e interessi

Le società che soffrono dell'impatto di COVID-19 possono richiedere un piano di pagamento del debito.

In tal caso, la società può anche richiedere un'esenzione per il pagamento di interessi posticipati e la remissione di sanzioni per mancato pagamento

Accesso più facile ai piani di pagamento del debito ed estensione delle durate del piano


Caso per caso, i piani di pagamento del debito possono essere concessi a società che soffrono dell'impatto di COVID-19. La misura copre la ritenuta alla fonte, l'IVA, l'imposta sul reddito delle persone fisiche, l'imposta sul reddito delle società e l'imposta sulle persone giuridiche.

Le misure di aiuto non possono essere concesse a quelle società che, indipendentemente da COVID-19, hanno difficoltà di pagamento strutturali. Inoltre, i debiti non devono derivare da frodi. Le misure possono essere annullate se il piano di pagamento concordato non è stato rispettato, a meno che il debitore non contatti l'amministrazione in tempo utile e in caso di insorgenza di procedure concorsuali. La domanda deve essere presentata al momento della ricezione di un avviso di accertamento o di un avviso di pagamento e al più tardi entro il 30 giugno 2020. La domanda deve essere presentata su un modulo particolare, via e-mail o lettera.

Sospensione delle azioni esecutive

Per IVA, PIT e CIT: tutte le azioni di recupero forzoso sono state temporaneamente sospese, tranne nei casi di "urgenza", ad esempio quando i debiti sono il risultato di un uso fraudolento delle misure di sostegno.

Rimborsi veloci

I soggetti passivi che presentano dichiarazioni IVA mensili possono presentare elettronicamente una richiesta di rimborso IVA urgente per il periodo da febbraio 2020 al 3 aprile 2020.

Tale rimborso è concesso se sono soddisfatte le seguenti condizioni cumulative:

• l'importo del rimborso è di almeno 245 EUR;

• tutte le dichiarazioni per il 2020 devono essere state presentate;

• il numero di conto sul quale deve essere versato il rimborso è noto all'amministrazione competente; e

• il rimborso non può essere contestato a causa del sequestro da parte di terzi o del trasferimento di un credito.

Se tali condizioni sono soddisfatte, il rimborso sarà versato entro il 30 aprile 2020.

Altre dichiarazioni IVA per febbraio 2020 devono essere presentate entro il 6 aprile 2020 se non è stata presentata alcuna richiesta di rimborso.

Politiche di audit e certezza fiscale

L'ufficio belga per i ruling fiscali avanzati ha pubblicato sul suo sito web una bozza di domanda per i costi specifici del datore di lavoro per i i lavoratori in smart working ai sensi delle misure del Consiglio di sicurezza nazionale per combattere il COVID-19.

Fintanto che tali misure sono in vigore, i datori di lavoro possono concedere ai loro dipendenti un'indennità temporanea esente da imposte fino a 126,94 EUR al mese per coprire i costi causati dal telelavoro.

Tutti i dipendenti che lavorano da casa possono godere di questo importo indipendentemente dalla loro categoria professionale. Sono stati stipulati accordi specifici per i dipendenti che viaggiano tra Belgio e Lussemburgo, e rispettivamente la Francia. I dipendenti che si spostano tra il Belgio e il Lussemburgo sono tassabili sul proprio reddito professionale nello stato di lavoro se qualsiasi attività professionale svolta fisicamente al di fuori di questo stato di lavoro è limitata a un periodo massimo di 24 giorni, a meno che non sia possibile dimostrare la forza maggiore. Alla luce delle attuali limitazioni ai viaggi, le autorità fiscali belghe e lussemburghesi hanno espresso l'intenzione di qualificare la situazione attuale come forza maggiore: il periodo trascorso dal dipendente nel suo paese d'origine ai fini del telelavoro, non sarà preso in considerazione per il calcolo della suddetta limitazione di 24 giorni. Un accordo analogo è stato raggiunto tra Francia e Belgio sulla regola dei 30 giorni ai sensi del trattato fiscale Belgio-Francia. Per entrambi i trattati fiscali, questa misura è in vigore dal 14 marzo e si applica fino a nuovo avviso.

Per quanto riguarda gli audit:

• Gli audit in loco non essenziali e / o meno urgenti devono essere rinviati

• Solo gli audit necessari per proteggere gli interessi finanziari dello Stato vengono mantenuti

• Gli audit che possono essere effettuati a distanza, grazie al supporto di applicazioni fiscali e basati su file, sono ancora in corso.

Per gli audit in loco che vengono proseguiti, ci si attende la piena cooperazione dei cittadini e delle imprese. Tali audit saranno effettuati conformemente alle norme igieniche specifiche in vigore nel contesto della crisi COVID-19.

Miglioramento dei servizi e iniziative di comunicazione

Ai contribuenti viene richiesto adempiere ai loro obblighi amministrativi online o per telefono poiché tutti i centri di informazione e gli uffici non sono più accessibili al pubblico.

Questo è stato comunicato:

(i) sul sito Internet della pubblica amministrazione e via mail ai cittadini;

(ii) tramite avviso per i rappresentanti della professione contabile disponibile sul sito Web di FPS Finance;

(iii) con manifesti presso gli uffici della pubblica amministrazione.

Diritto del lavoro e misure di protezione sociale

Le compagnie assicurative manterranno le prestazioni di vecchiaia, decesso, invalidità e ospedalizzazione concesse ai dipendenti nell'ambito di contratti assicurativi di gruppo (compresa l'assicurazione di ricovero di gruppo) in caso di disoccupazione economica temporanea e consentiranno ai datori di lavoro di differire i corrispondenti pagamenti del premio fino al 30 settembre 2020. Ciò è in contrasto con la regola generale, in cui tale copertura scade con la sospensione del contratto di lavoro, come nel caso della disoccupazione temporanea.

Di conseguenza, è importante notare che l'accordo di cui sopra si applica solo alle coperture assicurate e non alle coperture fornite da un'istituzione per l'organizzazione delle pensioni di anzianità ("EPAP"). Per questi, le regole del piano pensionistico dovrebbero essere consultate per comprendere le conseguenze della disoccupazione temporanea sulle coperture del rischio fornite e, se sospese, per intraprendere le azioni necessarie.

Le società possono presentare una richiesta di ruling per ottenere la conferma che possono temporaneamente concedere un'indennità di telelavoro al personale, mentre si applicano le misure emesse dal Consiglio di sicurezza nazionale per affrontare l'epidemia di COVID-19 e che tale indennità sarà considerata come un rimborso dei costi propri al datore di lavoro che non fa parte della remunerazione imponibile dei dipendenti.

Le società che sottopongono i propri dipendenti un regime di disoccupazione economica, in base al quale mantengono il diritto a circa il 70% del loro reddito medio (ma limitato a + 1.920 EUR / mese), possono concedere un'ulteriore indennità ai propri dipendenti in aggiunta alle indennità di disoccupazione economiche ricevute dal governo, al fine di mitigare (almeno in parte) la perdita di reddito dei propri dipendenti.

Tali indennità sono esenti dai contributi a carico del datore di lavoro e dei dipendenti, nella misura in cui sono considerati un'aggiunta a un vantaggio del sistema di sicurezza sociale ordinario. Pertanto, la somma delle indennità di disoccupazione e dell'indennità non può essere superiore alla retribuzione ordinaria del dipendente.

Tali indennità sono imponibili come reddito sostitutivo (cioè la ritenuta alla fonte applicata deve essere del 26,75%) e deve quindi essere segnalata dal datore di lavoro.

© 2020 by Batini Colombo Saottini

  • Grey LinkedIn Icon
  • Facebook
  • Instagram

Codice Fiscale 02956020966 Partita IVA IT 02956020966