Newsletter

AUSTRIA. Covid-19: Misure del Governo a supporto di imprese e cittadini






Le amministrazioni a livello globale stanno mettendo in atto o stanno prendendo in considerazione misure a sostegno dei contribuenti nel loro complesso o solo per alcune classi di contribuenti interessati dall'epidemia COVID-19.
Le misure per i singoli contribuenti si concentrano in genere sulla prevenzione delle difficoltà e sulla riduzione degli oneri, date le restrizioni in vigore in diversi paesi.
Le misure per le imprese, sia per le persone giuridiche che per i lavoratori autonomi, si concentrano generalmente sull'aiutare ad alleviare i problemi di liquidità per evitare l'aumento di licenziamenti dei lavoratori, l'incapacità temporanea di pagare i debiti e, nei casi peggiori, la chiusura o il fallimento.

Di seguito indichiamo le misure poste in atto dal Governo Austriaco.



Estensione delle scadenze

Il termine per la presentazione delle dichiarazioni dei redditi annuali per l'anno 2019 per l'imposta sul reddito delle persone fisiche, l'imposta sul reddito delle società, l'IVA e la determinazione del reddito è prorogato al 31 agosto 2020. Inoltre, il termine per il pagamento delle imposte può essere rinviato al 30 settembre 2020 o il contribuente può richiedere i pagamenti a rate entro il 30 settembre 2020.

Nell'ambito di procedimenti relativi ai reati fiscali e i reati relativi al pagamento delle imposte e dei dazi saranno interrotti. Ciò include i termini per i ricorsi, le obiezioni, le domande di presentazione e le denunce relative a misure coercitive che erano ancora in corso dal 16 marzo 2020 o per le quali il periodo in questione inizia dal 16 marzo al 30 aprile. Tali scadenze saranno interrotte fino al 1 maggio 2020. Il 1 maggio 2020 i termini ordinari verranno ristabiliti.

Differimento dei pagamenti

Le società possono richiedere una riduzione totale dei pagamenti anticipati per l'imposta sul reddito delle persone fisiche o sul reddito delle società.

Se, a seguito di tale riduzione, si verifica una successiva richiesta fiscale a seguito di valutazione per l'esercizio 2020, gli interessi di mora sui successivi crediti fiscali saranno automaticamente disapplicati.

Remissione di sanzioni e interessi

Gli interessi per le dichiarazioni dei redditi non presentate a tempo debito saranno automaticamente sospesi fino al 31 agosto 2020.

I contribuenti possono richiedere la disapplicazione di sanzioni legate al ritardo nei pagamenti di debiti tributari.

Inoltre, verranno eliminati gli interessi su eventuali richieste emergenti da accertamenti, nel corso del 2020, di carenti versamenti di acconti di imposta conseguenti a richieste specifiche di loro riduzione da parte del contribuente.

Politiche di audit e certezza fiscale

Per quanto riguarda tutte le attività di audit esterne, l'amministrazione considera le risorse disponibili delle imprese e le misure di sicurezza messe in atto. Qualora non siano disponibili risorse sufficienti, l'attività di audit sarà sospesa o rispettivamente rinviata. Inoltre, e se possibile, le attività di audit dovrebbero essere svolte principalmente tramite un lavoro da remoto dei revisori.

Miglioramento dei servizi e iniziative di comunicazione

L'amministrazione fiscale austriaca ha consigliato ai contribuenti di utilizzare canali telefonici o digitali per contattare l'ufficio tributario. Solo in casi urgenti è possibile organizzare un incontro fisico. La pagina web fa riferimento ai contribuenti ai servizi esistenti (ad es. hotline telefonica, portale dei contribuenti per l'archiviazione online, ecc.). Sul suo sito web, l'amministrazione ha fornito un modulo che i contribuenti possono utilizzare per richiedere sgravi fiscali. Il modulo compilato può quindi essere inviato a un'e-mail, creata appositamente per questo scopo, oppure caricarlo tramite il portale online del contribuente.

Diritto del lavoro e misure di protezione sociale

Nell'ambito di un nuovo regime di lavoro più flessibile e di regime a tempo ridotto, le aziende possono ridurre le ore di lavoro fino allo 0% del normale orario di lavoro, con la limitazione che nell’arco di un periodo di 3 mesi, l'orario di lavoro normale dovrà aver mantenuto una percentuale minima del 10%.

Nonostante la riduzione dell'orario di lavoro, i dipendenti riceveranno comunque sino al 90% del loro stipendio netto: il datore di lavoro pagherà’ lo stipendio equivalente alla percentuale di ore di lavoro effettivamente svolte, mentre la differenza, sino ad arrivare al 90% verrà corrisposta dallo stato.


Altre misure

Sono state annunciate misure di supporto da parte dello stato al fine di garantire con percentuali sino al 70% eventuali prestiti che le aziende dovessero richiedere agli istituti bancari al fine di fronteggiare la crisi derivante dalla contrazione delle vendite causata dalla pandemia.

© 2020 by Batini Colombo Saottini

  • Grey LinkedIn Icon
  • Facebook
  • Instagram

Codice Fiscale 02956020966 Partita IVA IT 02956020966