top of page

Danimarca

La Danimarca, un paese scandinavo situato nel Nord Europa, confina principalmente con il Mar Baltico e il Mare del Nord. È divisa in cinque regioni principali, con capitale Copenaghen. La lingua ufficiale della Danimarca è il danese e la valuta è la corona danese (DKK).

IVA
25%

CIT
25%

SSC
36,5%

CIT = Corporate Income Tax - corrispondente all'IRPEG

SSC = Social Security Contribution - corrispondente alla Contribuzione Sociale (Dipendente + Datore di Lavoro)

Overview

La Danimarca ha un’economia di mercato assolutamente moderna, caratterizzata da un settore agricolo ad alta tecnologia; un’industria all’avanguardia con aziende leader a livello mondiale nel settore farmaceutico, della navigazione marittima e delle energie rinnovabili; e una dipendenza dal commercio estero. L’economia danese è inoltre caratterizzata da ampie misure di welfare statale, da un’equa distribuzione del reddito e da standard di vita confortevoli. La Danimarca è un esportatore netto di cibo ed energia e gode di un soddisfacente surplus nella bilancia dei pagamenti. Il paese ha rinunciato ad alcuni elementi del Trattato di Maastricht dell'UE e ad alcune questioni riguardanti la giustizia e gli affari interni. Nonostante soddisfi i criteri per aderire all’Unione economica e monetaria europea (UEM), finora la Danimarca ha deciso di non aderirvi, sebbene la corona sia ancorata all’euro.

Image by Pietro Rampazzo

Fiscalità

 

La tassazione delle persone fisiche

Un individuo può essere tassato in Danimarca come avente piena responsabilità fiscale verso la Danimarca, come avente responsabilità fiscale limitata verso la Danimarca, o secondo speciali regole per gli espatriati o regole relative all'assunzione di forza lavoro.

Gli individui residenti in Danimarca sono soggetti a piena responsabilità fiscale (vale a dire soggetti a imposta sul loro reddito mondiale a meno che l'individuo non sia considerato residente fiscale in un altro paese secondo un trattato sulla doppia imposizione ).

Un individuo completamente residente fiscale in Danimarca sarà, come regola principale, tassato secondo il regime fiscale ordinario fino al 52,07% (55,90% inclusa l'imposta AM, che è anche imposta sul reddito ai fini DTT) nel 2023; delle detrazioni sono applicabili, di conseguenza, nella maggior parte dei casi, l’aliquota fiscale effettiva è inferiore.

Un individuo non pienamente soggetto a imposta può avere una responsabilità fiscale limitata nei confronti della Danimarca. La responsabilità fiscale limitata è limitata ai redditi provenienti da fonti danesi, elencati nella legge danese sull'imposta alla fonte, sezione 2, tra cui:

  • stipendio per lavoro svolto in Danimarca pagato da o per conto di un datore di lavoro con sede legale in Danimarca

  • retribuzione per lavoro svolto in Danimarca dove il soggiorno supera i 183 giorni nell'arco di 12 mesi

  • alcuni altri tipi di reddito personale, compresi gli onorari degli amministratori, le distribuzioni pensionistiche e i benefici della previdenza sociale

  • retribuzione coperta dalle norme speciali in materia di assunzione di personale 

  • redditi derivanti da un'impresa commerciale con una stabile organizzazione (PE)

  • reddito da proprietà situate in Danimarca

  • dividendi delle società danesi

  • reddito da royalties dalla Danimarca, e

  • compenso per l'assistenza consultiva, in determinate circostanze.

Un individuo con responsabilità fiscale limitata verso la Danimarca sarà, come regola principale, tassato fino al 52,07% (55,90%, inclusa l'imposta AM) sui redditi provenienti da fonti in Danimarca nel 2023.

Aliquote dell'imposta sul reddito delle persone fisiche
In genere, gli individui sono soggetti all'imposta nazionale sul reddito, all'imposta municipale, all'imposta sul mercato del lavoro e all'imposta ecclesiastica (tutte descritte di seguito).

Nel calcolo dell’imposta secondo il regime ordinario si applicano le seguenti tipologie di reddito:

  • Reddito personale (stipendio, prestazioni in natura, reddito da lavoro autonomo, reddito da pensione, ecc.).

  • Redditi da capitale (interessi attivi, interessi passivi, plusvalenza netta imponibile, ecc.).

  • Reddito imponibile (reddito personale aggiunto al reddito di capitale e adeguato per alcune detrazioni dettagliate).

  • Redditi azionari (dividendi, plusvalenze su azioni).

  • Valore della proprietà (valore della proprietà situata in Danimarca o all'estero).

Le diverse tipologie di reddito sono soggette a imposte diverse e di conseguenza tassate con aliquote diverse. Ciò significa anche che il valore della detrazione varia a seconda del reddito sul quale può essere effettuata la detrazione.

Le aliquote fiscali sono le seguenti:

Si noti che le aliquote fiscali e le imposte locali possono essere adeguate ogni anno.

Complessivamente, l'aliquota dell'imposta marginale non può superare il 52,07% (2024). Tuttavia, l'imposta sul mercato del lavoro, l'imposta sulle azioni, l'imposta sul valore della proprietà e l'imposta sulla chiesa non sono affette da questa regola.

Il reddito del capitale netto è tassato a un tasso fino al 42% (nel 2024). Il reddito da capitale netto negativo e altre indennità possono essere detratti ma non con pieno effetto.

Tasse nazionali
Le tasse nazionali sono classificate come tasse inferiore (bottom tax) e superiore (top tax), a causa della quale il reddito personale diventa soggetto a una tassazione progressiva.

Bottom Tax
La base fiscale inferiore è rappresentata dal reddito personale più il reddito del capitale netto positivo. L'imposta sul totale implica una tassazione del 12,01% (2024).

Top Tax
La base per la top tax per una sola persona è il reddito personale più il reddito del capitale netto positivo. L'imposta superiore è il 15% della parte della base fiscale superiore oltre DKK 588.900 (2024) dopo una detrazione dell'imposta sul mercato del lavoro dell'8%.

Tasse locali
Imposta comunale

L'imposta sul reddito locale (tassa municipale) è calcolata sul reddito imponibile a un'aliquota fissa dipendente dal comune in questione. La media del paese è del 25,067% (2024).

Imposta sul mercato del lavoro
L'imposta sul mercato del lavoro ammonta all'8% del reddito personale.

Imposta sulle azioni
Il reddito azionario fino a DKK 61.000 (2024) (122.000 DKK per una coppia sposata) è tassato al 27%. Il reddito azionario superiore a questo importo è tassato al 42%.

Tassa ecclesiastica
L'imposta sulla chiesa è un'imposta ad aliquota fissa dipendente dal comune in risiede il contribuente. La media del paese è di circa lo 0,65% (2024). L'imposta sulla chiesa è imposta dai comuni ed è applicabile solo dei membri della chiesa statale danese (luterana). Quando si registrano in Danimarca, tutti gli individui dovrebbero indicare esplicitamente se non dovrebbero essere assoggettati.

Imposta sul reddito delle persone giuridiche

Le società sono soggette a imposta su tutti i redditi e sono consentite solo detrazioni sulle spese relative alle operazioni della società.

Secondo la legislazione fiscale danese, per quanto riguarda le Stabili Organizzazioni e gli immobili situati all’estero prevale il principio di territorialità. Pertanto, una società danese non è tassata sul suo reddito mondiale. Invece, il reddito proveniente da una Stabile Organizzazione al di fuori della Danimarca o da beni immobili situati all’estero è escluso dal reddito imponibile. Le società non residenti sono tassate solo sugli utili derivanti da redditi prodotti in Danimarca. L'aliquota dell'imposta sul reddito delle persone giuridiche è del 22%.

Imposta sul valore aggiunto

L'aliquota IVA generale è pari al 25%.

Mentre alcune forniture sono soggette a esenzione IVA, come le cure ospedaliere e i servizi di assicurazione e riassicurazione. Per la maggior parte delle attività finanziarie, compresi i depositi di denaro e la concessione di prestiti, è fondamentale sottolineare una distinzione sostanziale tra le transazioni esenti IVA ai sensi della Sezione 13 e le transazioni ad "aliquota zero" ai sensi della Sezione 34 della legge danese sull'IVA. Gli esempi sopra menzionati illustrano specificamente le operazioni della Sezione 13, in cui il diritto al rimborso dell'IVA non è applicabile. Al contrario, le operazioni che rientrano nella Sezione 34, ad es. cessioni intracomunitarie di beni e servizi, consentono la detrazione totale dell'IVA, evidenziando una notevole differenza nel trattamento di queste due categorie.

La Danimarca è stata uno dei primi paesi a introdurre un sistema IVA. Da allora, la legislazione sull’IVA in Danimarca ha subito diversi cambiamenti. I cambiamenti più importanti sono stati quelli volti ad allineare la legislazione alla Sesta Direttiva CE sull'IVA (che, dal 1° gennaio 2007, è ufficialmente denominata Direttiva del Consiglio 2006/112/CE sul sistema comune di imposta sul valore aggiunto) e al cosiddetto VAT package dell’UE entrato in vigore il 1° gennaio 2010.

L'attuale legge danese sull'IVA (Momsloven) è entrata in vigore il 1 luglio 1994. Rispetto alla direttiva, la legislazione danese sull'IVA prevede piccole deviazioni e l'uso di varie disposizioni discrezionali.

Tutte le forniture di beni e servizi da parte dei cosiddetti “soggetti passivi” (imprenditori che svolgono in modo autonomo attività economiche) sono soggette ad IVA, salvo specifica esenzione. Sebbene le esenzioni IVA siano limitate a una gamma limitata di servizi e beni, sono soggette a un numero considerevole di norme vincolanti e orientamenti amministrativi per quanto riguarda la loro interpretazione e applicazione.

Le transazioni sono soggette all'IVA danese solo quando si ritiene che abbiano luogo in Danimarca. Per motivi di neutralità fiscale, l'IVA viene riscossa anche su (i) importazioni (ovvero ricezione di beni da territori extra UE), (ii) acquisti intracomunitari (ovvero ricezione di beni da Stati membri dell'UE) e (iii) acquisti della maggior parte dei servizi da fornitori esteri.

Per evitare che l'IVA sia a carico di soggetti diversi dal consumatore finale, coloro che sono soggetti passivi possono, con alcune eccezioni, recuperare l'IVA addebitata dai propri fornitori secondo il metodo fattura/credito, a condizione che gli acquisti riguardino operazioni imponibili. L'IVA viene recuperata tramite la dichiarazione IVA periodica (come detrazione dall'IVA dovuta) o presentando un'apposita domanda.

In linea di principio, è responsabilità del fornitore riscuotere e dichiarare l’IVA sulle forniture di beni e servizi in Danimarca. Tuttavia, un cliente/destinatario passivo è responsabile della dichiarazione dell'IVA sull'importazione o sull'acquisizione di beni dall'estero, nonché sull'acquisto della maggior parte dei tipi di servizi da fornitori esteri.

Contribuzione Sociale

Il contributo del datore di lavoro alle spese dell’Arbejdsmarkedets Tillægspension (ATP) (ovvero la pensione di vecchiaia) è di 2.376 DKK (2024) all’anno per un dipendente a tempo pieno.

Sulla base del contributo ATP saranno dovuti i contributi derivati. Inoltre, deve essere stipulata un'assicurazione danese obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro. I costi annuali totali della previdenza sociale da parte del datore di lavoro ammontano a circa 12.000 DKK per dipendente, a seconda del settore.

I datori di lavoro che versano i contributi ATP sono anche tenuti a versare contributi al Fondo danese del mercato del lavoro per i lavoratori distaccati, sebbene non si tratti di un contributo di previdenza sociale.

Le aziende che forniscono servizi esenti IVA sono tenute a pagare l’imposta a carico del datore di lavoro, che viene calcolata sul costo salariale annuo totale. L’aliquota può arrivare fino al 15,3%, che è l’aliquota dal 2018 in poi per le banche e altri istituti finanziari, il settore più significativo che paga le tasse a carico del datore di lavoro. Tale imposta è deducibile ai fini dell'imposta sul reddito.

Per maggiori informazioni sull'assunzione di personale dipendente in Danimarca, visita la sezione dedicata.

Documento1.jpg

LA NOSTRA PRESENZA IN DANIMARCA

La nostra sede di Copenaghen può contare sul supporto di uno studio di Commercialisti e Revisori composto da 5 Partners oltre a uno staff di 15 persone che operano quotidianamente negli ambiti della revisione, elaborazione delle buste paga, contabilità, assistenza fiscale e compliance. 

Necessiti di supporto in Danimarca?

 
Contattaci

0363 360254

info@studio-bcs.com

Persona Controllo del telefono
bottom of page