Lussemburgo

Il Granducato di Lussemburgo è una monarchia costituzionale parlamentare (Granducato) con un capo di governo (il primo ministro) e un capo di Stato (il granduca), che ha solo diritti formali. Il governo esercita il potere esecutivo. Le elezioni si svolgono ogni 5 anni per eleggere 60 deputati alla Camera dei deputati, l'organo legislativo unicamerale. Il paese è suddiviso in 4 collegi elettorali, 12 cantoni amministrativi e 105 comuni. 12 comuni hanno lo status di città, di cui la più grande è Lussemburgo. La città di Lussemburgo, insieme a Bruxelles e Strasburgo, è una delle tre sedi ufficiali delle istituzioni europee. Il Lussemburgo ha tre lingue ufficiali: il francese, il tedesco e il lussemburghese

IVA
17%

CIT
24,94%

SSC
11,5%

CIT = Corporate Income Tax - corrispondente all'IRPEG

SSC = Social Security Contribution - corrispondente alla Contribuzione Sociale (Dipendente + Datore di Lavoro)

Economia e commercio

I settori più importanti dell’economia lussemburghese nel 2018 sono stati il settore finanziario e assicurativo (26,5 %), il commercio all’ingrosso e al dettaglio, i trasporti, il settore alberghiero e della ristorazione (18 %) e l’amministrazione pubblica, la difesa, l'istruzione, la sanità e l'assistenza sociale (16,7 %).

Il Lussemburgo ha esportato per l'84 % all'interno dell'UE: Germania 27 %, Belgio 15 % e Francia 14 %; nei paesi extra-UE ha esportato invece per il 3 % negli Stati Uniti e per il 2 % in Cina.

Il Lussemburgo ha importato per l'88 % dagli Stati membri dell’UE: Belgio 35 %, Germania 26 % e Francia 11 %; dai paesi extra-UE ha importato invece per il 4 % dagli Stati Uniti e per il 2 % sia dalla Cina che dal Giappone.

Image by Il Vagabiondo

Fiscalità

L'imposta sul reddito delle persone fisiche viene riscossa sul reddito mondiale delle persone fisiche residenti in Lussemburgo, nonché sul reddito di origine lussemburghese dei non residenti.

La tassazione delle persone fisiche

L'imposta sul reddito lussemburghese si basa sulla situazione personale dell'individuo (ad es. stato di famiglia). A tal fine, agli individui viene assegnata una classe fiscale.

Sono state definite tre classi di tassazione:

  • Classe 1 per single.

  • Classe 2 per le persone sposate e per i partner civili (a determinate condizioni).

  • Classe 1a per le persone sole con figli e per i contribuenti single di almeno 65 anni al 1° gennaio dell'anno fiscale.

Dal 1° gennaio 2018 ai contribuenti coniugati non residenti e non separati viene riconosciuta la classe d'imposta 1. Tuttavia, a determinate condizioni, possono chiedere di essere considerati fiscalmente residenti in Lussemburgo per ottenere l'applicazione della classe d'imposta 2 (generalmente, il classe fiscale per i coniugi non separati residenti). L'applicazione della classe d'imposta 2 implica un accertamento congiunto delle imposte dei coniugi/partners.

I contribuenti non residenti possono richiedere la tassazione congiunta in classe fiscale 2 (cioè come per i contribuenti residenti coniugati), a condizione che sia soddisfatta almeno una delle seguenti condizioni:

  • Il 90% del reddito mondiale di un coniuge è imponibile in Lussemburgo. 

  • Il reddito di un contribuente imponibile al di fuori del Lussemburgo non superi i 13.000 €.

Per i residenti belgi, le regole sono meno restrittive. Solo il 50% del reddito professionale della famiglia deve essere imponibile in Lussemburgo.
L'applicazione di questa opzione può essere richiesta tramite la busta paga o con la dichiarazione dei redditi individuale. I contribuenti coniugati non residenti dovranno dichiarare il proprio reddito di origine non lussemburghese (ad esempio, il reddito professionale del coniuge). Tale reddito di origine non lussemburghese sarà esentato ai fini dell'imposta lussemburghese, ma sarà preso in considerazione nel determinare l'aliquota fiscale applicabile per il reddito di origine lussemburghese ("esenzione con progressione").

In pratica, i contribuenti sposati non residenti in cui uno dei coniugi lavora al di fuori del Lussemburgo e/o in cui l'individuo ha un reddito elevato al di fuori del reddito da lavoro dipendente lussemburghese saranno influenzati negativamente da questa disposizione, poiché aumenterà la loro aliquota fiscale effettiva.

L'imposta è calcolata secondo una aliquota progressiva, che va dall'8% sul reddito imponibile superiore agli 11.265 euro al 42% sul reddito superiore a 200.004 euro dal 2018.A ciò si aggiunge un'imposta di solidarietà del 7%  (9% per i redditi più alti).



Contributi sociali

Di seguito si elencano i contributi previdenziali obbligatori per i dipendenti:

  • Per malattia: 3,05% della retribuzione periodica lorda, che è limitata ad un tetto mensile di 11.009,65 euro (massimo annuo stimato in 132.115,80 euro al 1° gennaio 2021).

  • Per la pensione: 8% della retribuzione lorda, che è limitata ad un tetto mensile di 11.009,65 euro (massimo annuo stimato in 131.115,80 euro al 1° gennaio 2021).

I contributi previdenziali devono essere trattenuti dal datore di lavoro dalla retribuzione lorda del lavoratore.

Alcuni accordi di sicurezza sociale multilaterali e bilaterali tutelano gli interessi dei lavoratori dipendenti temporaneamente residenti.

I dipendenti (residenti e non residenti) che versano i contributi previdenziali lussemburghesi sono soggetti al cosiddetto contributo di dipendenza sul reddito professionale lordo, ridotto di 550,48 euro mensili (ossia stimato in 6.605,76 euro al 1° gennaio 2021). Anche il reddito netto di capitale e le plusvalenze imponibili dei contribuenti residenti in Lussemburgo sono soggetti al contributo di dipendenza, ad eccezione degli interessi assoggettati a ritenuta del 20% interamente detraibili dall'imposta sul reddito. 


Tassazione delle persone giuridiche

I redditi d'impresa delle persone giuridiche lussemburghesi sono assoggettati a imposizione in Lussemburgo ovunque essi vengano prodotti, mentre le imprese non residenti sono assoggettate a tassazione in Lussemburgo solo per i redditi di origine lussemburghese.

Le imprese con reddito imponibile inferiore a 175.000 euro (EUR) sono soggette all'imposta sul reddito delle società con un'aliquota del 15%. Le imprese con reddito imponibile compreso tra 175.000 euro e 200.001 euro sono soggette all'imposta come segue: 26.250 euro più il 31% della base imponibile superiore a 175.000 euro. L'aliquota dell'imposta è del 17% per le società con reddito imponibile superiore a 200.001 EUR che porta a un'aliquota fiscale complessiva del 24,94% nella città di Lussemburgo (tenendo conto dell'addizionale di solidarietà del 7% sull'aliquota ordinaria e includendo l'imposta municipale del 6,75%).

L'imposta non si applica alle entità fiscalmente trasparenti (ad es. società in nome collettivo o in accomandita o gruppi europei di interesse economico).


 
L’Imposta sul valore aggiunto

Le forniture di beni e servizi, che si considerano effettuate in Lussemburgo, sono soggette ad IVA all'aliquota ordinaria del 17% (aliquota IVA standard più bassa nell'Unione europea) o, su determinate transazioni, al 14% (ad es. alcuni vini, opuscoli pubblicitari, gestione e custodia valori), 8% (es. fornitura di gas o energia elettrica), o 3% (es. alimenti - tranne la maggior parte delle bevande alcoliche-; prodotti farmaceutici; libri - compresi gli e-book dall'emanazione della Circolare n°793 dalle autorità IVA lussemburghesi del 17 maggio 2019 -; servizi di trasmissione radiofonica e televisiva - escluso l'intrattenimento per adulti -; scarpe, accessori e abbigliamento destinati a bambini di età inferiore a 14 anni.

Le operazioni bancarie, finanziarie, assicurative e riassicurative sono generalmente attività esenti. L'IVA pagata sui beni e servizi che hanno un nesso diretto ed immediato con tali operazioni non può essere recuperata se non relativa a servizi prestati a soggetti stabiliti al di fuori dell'Unione Europea. Altre operazioni esenti da IVA, come esportazioni e relativi trasporti, consentono al fornitore di recuperare l'IVA a monte sui relativi acquisti.

I soggetti passivi residenti in Lussemburgo devono, in linea di principio, essere registrati ai fini dell'IVA. Tuttavia, i soggetti passivi che esercitano esclusivamente attività esenti da IVA e che non hanno alcun diritto al recupero dell'IVA a monte non sono tenuti all'iscrizione ai fini IVA a meno che non siano soggetti all'autocertificazione dell'IVA su beni/servizi richiesti dall'estero. In tal caso, possono essere soggetti ad adempimenti semplificati.

I contribuenti le cui attività sono soggette ad IVA hanno il diritto di compensare con l'IVA dovuta l'importo di tale imposta addebitato loro dai loro fornitori o contabilizzato sulle importazioni o sugli acquisti di beni o servizi dall'estero.



Imposta sulla ricchezza netta (NWT)

Sia le società residenti in Lussemburgo che le filiali lussemburghesi di società non residenti sono soggette a NWT sul loro patrimonio netto, con aliquote variabili:

Per una base imponibile fino a 500 milioni di euro l'aliquota è dello 0,5%.
Per basi imponibili superiori a 500 milioni di euro: 2,5 milioni di euro, più 0,05% sulla componente della base imponibile superiore a 500 milioni di euro. 
In generale, i beni sono considerati al valore di mercato (ad eccezione degli immobili, che sono soggetti a un regime speciale). 

Vi è inoltre una NWT minima che si applica a tutte le società con sede legale o amministrazione centrale in Lussemburgo.

Le entità con immobilizzazioni finanziarie aggregate, valori mobiliari, crediti intercompanyi e disponibilità liquide superiori sia al 90% delle loro attività lorde totali sia a 350.000 EUR sono soggette a una NWT minima di 4.815 euro.

Dichiarazioni, obblighi strumentali

Le società devono presentare la dichiarazione dei redditi entro il 31 maggio di ogni anno successivo all'anno solare durante il quale è stato conseguito il reddito. A partire dall'esercizio 2017, le dichiarazioni dei redditi per le società soggette a imposte sul reddito devono essere obbligatoriamente presentate in formato elettronico.

Gli accertamenti sono emessi dopo la fine dell'anno d'imposta e di norma possono essere definiti entro cinque anni, anche se il termine può estendersi a dieci anni se la dichiarazione risulta incompleta o inesatta, con o senza dolo. Una volta emesso, l'avviso di accertamento è, in linea di principio, definitivo (salvo nuovi fatti).

Gli accertamenti fiscali sono emessi dalle autorità fiscali immediatamente al ricevimento della dichiarazione dei redditi, sulla base del reddito imponibile dichiarato dalla società. L'amministrazione finanziaria può quindi rivalutare o richiedere maggiori informazioni sulla dichiarazione entro il termine dei cinque anni successivi alla ricezione della dichiarazione dei redditi.

Le società lussemburghesi sono libere di scegliere la valuta in cui desiderano mantenere le loro scritture contabili nella misura in cui si tratti di una valuta liberamente negoziabile. Pertanto, le società lussemburghesi che prevedono di svolgere la maggior parte delle proprie attività in una valuta diversa dall'euro sceglieranno generalmente di utilizzare tale valuta funzionale "estera" per redigere i propri bilanci. In particolare, ciò eviterà a tali società di dover riconoscere, a fini contabili, utili e perdite su cambi che non rispecchiano la realtà economica della loro attività.

Tuttavia, come regola generale, i contribuenti lussemburghesi in tale situazione sono stati finora tenuti a presentare le proprie dichiarazioni dei redditi in euro, basandosi su bilanci fiscali denominati in euro. Ai contribuenti lussemburghesi è consentito, su richiesta, di determinare la propria base imponibile esclusivamente in una valuta funzionale 'straniera', e quindi di dover solo convertire l'importo finale della base imponibile in euro. Ciò ha evitato la necessità di redigere un bilancio fiscale in euro semplicemente ai fini della dichiarazione dei redditi.

La circolare L.G.-A n°60, emessa dalle autorità fiscali lussemburghesi il 21 giugno 2016, formalizza questa prassi consolidata.

LA NOSTRA PRESENZA IN LUSSEMBURGO

La nostra sede in Lussemburgo può contare sul supporto di uno studio di Commercialisti e Revisori fondato nel 1994 composto da 1 Partner oltre a uno staff di 13 persone che operano quotidianamente negli ambiti della revisione, elaborazione delle buste paga, contabilità, assistenza fiscale e compliance. 

Necessiti di supporto in Lussemburgo?

 
Contattaci

0363 360254

info@studio-bcs.com

Persona Controllo del telefono