top of page

Brasile

Il Brasile è il quinto paese più grande del mondo. Con una popolazione stimata superiore a 217 milioni, è uno dei paesi più popolosi del mondo, dopo Cina, India, Stati Uniti, Indonesia e Pakistan.

E' diviso in 27 unità federali (26 stati più il Distretto Federale), di cui Brasilia è la capitale. La lingua ufficiale del Brasile è il portoghese e la moneta è il real (BRL).

IVA
20%

CIT
15%

SSC
37%

CIT = Corporate Income Tax - corrispondente all'IRPEG

SSC = Social Security Contribution - corrispondente alla Contribuzione Sociale (Dipendente + Datore di Lavoro)

Economia

L’economia brasiliana è considerata grande sotto quasi tutti gli standard. Il Brasile è l’ottava economia più grande del mondo in termini di prodotto interno lordo (PIL) derivato dai calcoli della parità di potere d’acquisto (PPA).

Il Brasile ha un’economia diversificata con aziende forti nei settori agricolo, delle materie prime, industriale e dei servizi; ha una delle classi medie più grandi.

Gli ultimi anni sono stati segnati da importanti sfide economiche e politiche in Brasile. Tuttavia, nonostante sia stata notevolmente colpita dalla pandemia di COVID-19 in termini di indicatori economici, la sua economia ha chiuso il 2021 su una base più forte del previsto. Il PIL è tornato a crescere negli ultimi due mesi dell’anno, anche se la carenza di offerta continuava a colpire i produttori.

Il Brasile ha attuato una riforma del lavoro nel 2017, nonché una riforma della previdenza sociale e delle pensioni alla fine del 2019. Negli ultimi tre anni è stata discussa una riforma fiscale più ampia e, sebbene l’ultimo disegno di legge non sia stato approvato, una riforma fiscale è ancora in fase di elaborazione e si prevede la realizzazione nel prossimo futuro.

Si è discusso con entusiasmo della riforma fiscale, comprese le imposte dirette e indirette a tutti i livelli federativi. Sul fronte delle imposte dirette è prevista una riduzione dell'imposta sul reddito delle società (CIT), mentre potrebbe essere creata una ritenuta alla fonte (WHT) sui dividendi. Per le imposte indirette si discute di un approccio più snello, che consolidi le varie imposte e contributi. Il Brasile ha recentemente approvato nuove regole sui prezzi di trasferimento, in linea con le linee guida sui prezzi di trasferimento dell’OCSE e, pertanto, basate sui principi di libera concorrenza.

Image by Gabriel Ramos

Fiscalità

 

La tassazione delle persone fisiche

I residenti in Brasile sono tassati sul loro reddito mondiale, mentre i non residenti sono tassati esclusivamente alla fonte sul loro reddito di origine brasiliana. La fonte del reddito è determinata dal luogo in cui si trova il contribuente, indipendentemente da dove viene svolto il lavoro.

Per riferimento, i contribuenti non residenti sono tassati solo sui redditi da lavoro brasiliani con un'aliquota forfettaria del 25% (non sono consentite detrazioni). Il reddito da locazione ricevuto da una proprietà situata in Brasile è tassato al 15%. I redditi percepiti all’estero da non residenti sono esenti da imposte.
I contribuenti residenti che percepiscono redditi da fonti brasiliane sono soggetti a ritenute. I contribuenti residenti che ricevono redditi da fonti non brasiliane (ad esempio attraverso accordi di suddivisione del salario) o da altri individui (ad esempio redditi da locazione) sono soggetti a pagamenti fiscali mensili obbligatori sugli importi non soggetti a ritenute.

L'imposta mensile sul reddito è calcolata, a partire dal 2015, sulla base delle seguenti aliquote fiscali progressive (in real brasiliano o BRL):

  • sino a 1.903,98 BRL - esenti

  • da 1.903,99 a 2.826,65 BRL - aliquota del 7,5%

  • da 2.826,66 a 3.751,05 BRL - aliquota del 15%

  • da 3.751,06 a 4.664,68 BRL - aliquota del 22,5%

  • oltre i da 4.664,68 BRL - aliquota del 27,5%

 

La contribuzione sociale

Tutti i dipendenti, i lavoratori autonomi e i datori di lavoro in Brasile sono tenuti a versare contributi al sistema di previdenza sociale.

I contributi previdenziali dovuti dai dipendenti sono pagabili mensilmente, sul reddito salariale di fonte brasiliana, limitato ad un tetto massimo ogni mese, secondo la tabella delle tariffe, come indicato di seguito.

In base alla riforma della previdenza sociale approvata a novembre 2019, a partire da gennaio 2021 i dipendenti sono soggetti al pagamento dei contributi previdenziali mensili sulla base di aliquote progressive dal 7,5% al ​​14% (con un nuovo importo massimo di 828,38 BRL). 

I contributi previdenziali dovuti dal datore di lavoro vengono calcolati considerando un'aliquota forfettaria del 20% o del 22,5%, a seconda del settore industriale. Oltre al contributo previdenziale indicato, il datore di lavoro è tenuto a pagare ulteriori oneri sociali, il cui importo dipenderà dalle sue attività economiche.

La previdenza sociale a carico dei lavoratori autonomi può essere pari al 5%, 11% o 20% del salario massimo contributivo, a seconda delle condizioni specifiche dell'individuo e dei servizi resi.

La tassazione delle persone giuridiche

Le società residenti in Brasile sono tassate sui redditi mondiali. Le società non residenti sono generalmente tassate in Brasile attraverso una filiale, una filiale o una PE registrata, in base al reddito generato localmente. Oltre a ciò, le società non residenti possono essere soggette a ritenuta d’acconto (IRRF) sui redditi derivanti da una fonte brasiliana.

L'imposta sul reddito delle società (IRPJ) viene calcolata all'aliquota fissa del 15% sul reddito imponibile annuo, utilizzando il metodo dei "profitti effettivi" (APM) o il metodo dei "profitti presunti" (PPM).

Le persone giuridiche sono inoltre soggette a una sovrattassa del 10% sul reddito imponibile annuo superiore a 240.000 reais brasiliani (BRL).

Le persone giuridiche sono generalmente soggette al CSLL con un'aliquota del 9% (ad eccezione di alcune entità prescritte, come istituti finanziari e compagnie di assicurazione private, che sono tassate ad aliquote più elevate), che non è deducibile ai fini IRPJ. La base imponibile è l'utile prima delle imposte sul reddito, dopo alcuni aggiustamenti, a seconda del metodo di calcolo (ad esempio APM o PPM).

Imposta sul Valore Aggiunto

Il sistema delle imposte indirette brasiliano è complesso ed è stato soggetto a molteplici cambiamenti negli ultimi anni. Il testo che segue contiene informazioni generali applicabili a ciascuna delle imposte qui menzionate. È importante notare che la rispettiva legislazione prevede diverse eccezioni alle regole generali stabilite. Nel caso dell’IVA statale (ICMS), anche se dovrebbe essere seguita una legge federale, ogni stato emana la propria legislazione, che comporta alcune differenze rispetto alla legge federale.

Il sistema fiscale indiretto brasiliano comprende tre principali imposte indirette:

  • IVA sulle Vendite e su alcuni Servizi (ICMS)

  • Accisa (IPI), e

  • Tassa di servizio (ISS),

che sono rispettivamente le tasse statali, federali e municipali.

IVA sulle vendite e sui servizi (ICMS)
L'ICMS è un'imposta statale sulla circolazione delle merci, sull'energia elettrica, sulla prestazione di servizi di trasporto interstatali e intercomunali e sulle comunicazioni, anche quando la transazione e la prestazione dei servizi iniziano in un altro Paese. Non si tratta di un'imposta cumulativa, cioè l'imposta viene calcolata solo sull'aumento del prezzo del prodotto in ciascuna parte del processo di circolazione.

Il processo di calcolo prevede un sistema in cui il contribuente dovrebbe verificare l'importo dei debiti e dei crediti relativi all'IVA statale. Nel caso in cui il contribuente abbia più debiti che crediti, sarà tenuto a pagare l'imposta sulla differenza.

In sintesi, i crediti vengono calcolati quando le materie prime entrano nei locali del contribuente, e i debiti vengono calcolati quando il prodotto finale esce dallo stabilimento. Inoltre, i crediti ICMS non sono concessi per tutte le acquisizioni (ad esempio, articoli d'uso e consumo) e, di norma, i contribuenti non sono autorizzati a contabilizzare crediti su materiali acquistati che saranno utilizzati per la produzione di beni non imponibili (con alcune eccezioni, come le esportazioni).

La scadenza per l'ICMS è mensile; tuttavia, per le importazioni, l'ICMS è dovuto allo sdoganamento.

Le aliquote interne dell'ICMS variano a seconda dello Stato del Brasile, variando, di norma, dal 17% al 20%. Nello Stato di San Paolo, ad esempio, l'ICMS ha un'aliquota del 18%. Alcuni prodotti possono avere un'aliquota più elevata (come il 25%) o una ridotta (come il 12%). Stati diversi possono applicare aliquote diverse a seconda del tipo di bene e della natura dell'operazione.

Tariffe speciali si applicano alle vendite interstatali. Su tutte le vendite interstatali di beni importati si applica un’aliquota del 4%.

Regime ICMS-ST
Al fine di evitare l’evasione fiscale, migliorare i processi di controllo fiscale e facilitare la riscossione delle imposte, la legislazione può nominare un singolo contribuente della catena di prodotto come unico soggetto responsabile, che riscuoterà l’ICMS dovuto da tutte le parti fino al consumatore finale. Il cosiddetto regime ICMS-ST è imposto per determinati beni elencati dalla legislazione fiscale di ciascun stato.

ICMS dovuto sulle vendite interstatali di beni ai consumatori finali
Come regola generale, l'ICMS viene riscosso dallo stato in cui si trova il fornitore dei beni. L'ICMS viene riscosso dalla maggior parte degli Stati a tariffe interne che vanno dal 17% al 20% (alcuni prodotti prevedono un'aliquota più bassa o più alta). Come notato sopra, alle vendite interstatali si applicano tariffe speciali, che saranno equivalenti al 4%, 7% o 12%, a seconda dell'ubicazione del fornitore e del cliente, nonché se le merci sono importate, hanno un certa percentuale di parti importate o di provenienza nazionale.

La normativa stabilisce che sulle transazioni interstatali con i consumatori finali si applichino le aliquote del 4%, 7% o 12% (invece del tasso interno) e la differenza tra le tariffe interne e quelle interstatali sia a carico dell'acquirente (transazioni tra contribuenti ICMS) o del fornitore (operazioni che coinvolgono contribuenti non ICMS) di beni allo Stato del consumatore.

Accisa (IPI)
Questa accisa federale viene pagata dai produttori per conto dei propri clienti al momento della vendita a un altro produttore che continuerà il processo di produzione o al rivenditore che vende all'utente finale.

L'imposta pagata viene indicata separatamente sulla fattura di vendita, così come la natura dei beni in questione. Alcune esenzioni sono concesse ai beni considerati di prima necessità per l'economia del paese. Le aliquote sono definite dal codice tariffario del prodotto (normalmente dal 5% al ​​30%, ma in alcuni casi fino a oltre il 300%) e sono determinate in base alla natura di ciascun prodotto, il che generalmente significa che i prodotti essenziali avranno aliquote fiscali più basse.

Come accennato in precedenza, quando i prodotti manifatturieri vengono venduti tra produttori, viene imposto l'IPI. Tuttavia, al produttore successivo viene concesso un credito, a fronte del suo debito IPI, sull'importo dell'IPI pagato ai suoi fornitori (imposta non cumulabile, simile a quanto accade con l'ICMS). Inoltre, per i rivenditori, l'IPI non è recuperabile ed è considerata un costo dell'operazione.

Anche le importazioni di beni sono soggette alla tassazione IPI, mentre le esportazioni no.

L'IPI è dovuto su base mensile; tuttavia, sulle importazioni, l'IPI è dovuta allo sdoganamento.

Imposta sui servizi comunali (ISS)
L'ISS è un'imposta comunale riscossa sulla prestazione dei servizi elencati dalla Legge Integrativa 116/2003. L'ISS è imposta in modo cumulativo (non è detraibile), e le aliquote possono variare dal 2% al 5%, a seconda del tipo di servizio (aliquote da concordare su base comunale). Anche il comune a cui pagare l'ISS cambia a seconda della natura del servizio svolto.

Per quanto riguarda alcuni servizi, la normativa comunale può nominare soggetto responsabile il destinatario del servizio, imponendogli l'obbligo di trattenere il pagamento dell'ISS per conto del fornitore del servizio.

Anche l'importazione di servizi è soggetta all'ISS, che deve essere riscossa dall'entità brasiliana che acquista i servizi da un fornitore situato all'estero.

L'ISS non viene riscossa sull'esportazione di servizi. 

LA NOSTRA PRESENZA IN BRASILE

La nostra sede di Rio de Janeiro può contare sul supporto di uno studio di Commercialisti e Revisori fondato nel 1999 composto da 3 Partners oltre a uno staff di 12 persone che operano quotidianamente negli ambiti della revisione, elaborazione delle buste paga, contabilità, assistenza fiscale e compliance. 

Necessiti di supporto in Brasile?

 
Contattaci

0363 360254

info@studio-bcs.com

Persona Controllo del telefono
bottom of page