top of page

Australia

L'Australia è uno stato dell'emisfero australe che comprende la parte continentale del continente australiano, l'isola della Tasmania e numerose isole minori nell'Oceano Indiano e nel Pacifico. E' divisa in sei stati e due territori, con capitale Canberra. La lingua ufficiale dell'Australia è l'inglese e la valuta è il dollaro australiano (AUD).

GST
10%

CIT
30%

SSC
N/A

CIT = Corporate Income Tax - corrispondente all'IRPEG

SSC = Social Security Contribution - corrispondente alla Contribuzione Sociale (Dipendente + Datore di Lavoro)

Economia

Sei colonie britanniche, create tra la fine del XVIII e il XIX secolo, furono federate e divennero il Commonwealth d'Australia nel 1901. Negli ultimi decenni, l'Australia si è trasformata in un'economia di mercato avanzata e competitiva a livello internazionale. Vantava una delle economie in più rapida crescita dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) negli anni '90, una performance dovuta in gran parte alle riforme economiche adottate negli anni '80. Le abbondanti e diversificate risorse naturali dell'Australia attraggono elevati livelli di investimenti esteri e comprendono estese riserve di carbone, minerale di ferro, rame, oro, gas naturale, uranio e fonti di energia rinnovabile. L’Australia ha anche un vasto settore dei servizi ed è un importante esportatore di risorse naturali, energia e cibo.

Image by Clément Falize

Fiscalità

 

La tassazione delle persone fisiche

Le tabelle seguenti riportano le aliquote dell'imposta personale sui redditi attualmente applicate ai soggetti residenti e non residenti per l'anno terminato il 30 giugno 2023. Si prevede che tali aliquote e soglie continueranno ad applicarsi fino al 30 giugno 2024, dopodiché entrerà in vigore la successiva fase legislativa di tagli fiscali dal 1° luglio 2024, con la conseguente rimozione delle aliquote fiscali marginali del 32,5% e del 37%.

RESIDENTI

 

 

Nota: questa tabella non include il prelievo Medicare pari a un ulteriore 2% del reddito imponibile, che si applica alla maggior parte dei residenti. Ad alcuni contribuenti con reddito più elevato non coperti da assicurazione sanitaria per la copertura ospedaliera privata dei pazienti, si applica un supplemento aggiuntivo sul prelievo Medicare compreso tra l'1% e l'1,5%. Tariffe speciali si applicano al reddito non guadagnato dei figli di età inferiore ai 18 anni alla fine dell'anno laddove tale reddito sia superiore a 416 AUD.

Inoltre, la tabella non include le detrazioni fiscali, inclusa la detrazione dell'imposta sui redditi bassi (massimo 700 AUD per coloro che guadagnano fino a 37.500 AUD) che può essere applicata per ridurre l'imposta complessiva dovuta per coloro con un reddito imponibile fino a 66.667 AUD ( si noti che la detrazione fiscale sul reddito medio e basso non si applica successivamente all'anno 2021/22).

NON RESIDENTI

Nota: i non residenti non sono tenuti a pagare la tassa Medicare in Australia. Quanto sopra non tiene conto delle eventuali compensazioni fiscali che potrebbero applicarsi.

La contribuzione sociale

In Australia non esistono contributi di previdenza sociale statali, ma solo privati (Fondi Pensione). Tuttavia, viene imposta una tassa sul reddito imponibile e sui benefici accessori dichiarabili dei residenti per il finanziamento di un programma sanitario nazionale (Medicare). La tassa Medicare è attualmente del 2%. Nessun prelievo è dovuto da coloro che hanno un reddito imponibile inferiore alle soglie di reddito basso pertinenti.

Ai contribuenti ad alto reddito si applica una sovrattassa compresa tra l'1% e l'1,5% laddove il contribuente e le persone a carico non sono coperti da un fondo di assicurazione sanitaria privata registrato in Australia che fornisce copertura ospedaliera di base.

Sia i datori di lavoro che i cittadini stranieri che lavorano in Australia dovrebbero fare attenzione nella scelta di un fondo sanitario che sia idoneo all’esenzione dal sovrapprezzo Medicare e fornisca una copertura adeguata perché è possibile avere una polizza che fornisce una copertura completa ma non che non esenta il titolare (e i suoi familiari) dal sovrapprezzo e viceversa. 

 

PENSIONE E SUA TASSAZIONE

I contributi pagati dal datore di lavoro e quelli dei lavoratori autonomi agli enti pensionistici "conformi" e ai conti di risparmio pensionistico (RSA) in Australia svolgono un ruolo simile a quello dei prelievi sulla previdenza sociale. Le prestazioni pensionistiche fornite da questi enti pensionistici (che sono indipendenti dal governo, ma devono rispettare le normative quindi sono "conformi") si aggiungono a una pensione di vecchiaia basata sul reddito fornita dal governo federale.

Le norme che regolano la tassazione degli enti pensionistici sono complesse. Di seguito una breve sintesi della normativa vigente.

I datori di lavoro devono contribuire con una determinata percentuale minima della base salariale del dipendente, fatte salve limitate eccezioni, a un fondo pensione conforme per conto dei propri dipendenti o essere soggetti a un addebito di garanzia di pensione (SG). La percentuale di SG richiesta aumenterà progressivamente fino al 12% come segue:

- dal 1 Luglio 2023: 11%

- dal 1 Luglio 2024: 11,5%

- dal 1 Luglio 2025: 12%

Di solito è fiscalmente efficace (soggetto a determinati limiti) che i dipendenti rinuncino o “sacrificio” parte del loro stipendio per consentire al datore di lavoro di versare contributi pensionistici a loro nome superiori a questo minimo. Non vi è alcun limite all’importo dei contributi che possono essere richiesti a detrazione. Tuttavia, esistono limiti all'importo che può essere versato da ciascun individuo per anno di reddito idoneo a ricevere un trattamento fiscale agevolato. È possibile versare contributi pensionistici agevolati per conto di un individuo fino a un massimo di 27.500 AUD all'anno. Gli individui con saldi pensionistici inferiori a AUD 500.000 hanno anche la possibilità di riportare i contributi agevolati non utilizzati fino ai cinque anni finanziari precedenti e utilizzare gli importi per versare ulteriori contributi agevolati durante un particolare anno finanziario.

Gli individui possono anche versare contributi non agevolati a un fondo pensione (ovvero contributi non deducibili). Il limite massimo annuale dei contributi non agevolati è attualmente di 110.000 AUD all'anno, soggetto a una regola di anticipazione di tre anni per gli individui di età inferiore a 75 anni. Per l'anno finanziario 2023/24, il tetto non agevolato è pari a zero se l'individuo ha un saldo pensionistico totale maggiore o uguale a 1,9 milioni di AUD al 30 giugno 2023 (rispetto a 1,7 milioni di AUD al 30 giugno 2022).

Gli individui di età pari o superiore a 55 anni possono utilizzare i proventi della vendita della loro abitazione principale ammissibile per versare "contributi di ridimensionamento", limitati al valore inferiore tra 300.000 AUD e la loro quota dei proventi della vendita. Questi contributi non sono deducibili dalle tasse e possono essere versati indipendentemente da altri limiti contributivi e restrizioni sui contributi volontari.

In generale, i contributi agevolati versati ai fondi pensione conformi insieme ai guadagni del fondo sono soggetti a imposta all'aliquota del 15% a carico del fondo. 

La tassazione delle persone giuridiche

Le società residenti in Australia, diverse da quelle qualificate come CCIV (vedi sotto), sono soggette all'imposta australiana sul reddito sui loro redditi mondiali. Generalmente, le società non residenti sono soggette all’imposta australiana sul reddito solo sul reddito di origine australiana. Tuttavia, se una società è residente in un paese con cui l'Australia ha concluso un accordo di doppia imposizione (DTA), il diritto dell'Australia di tassare gli utili aziendali è generalmente limitato agli utili attribuibili a una stabile organizzazione (PE) in Australia.

Tutte le società sono soggette ad un’aliquota fiscale federale del 30% sul loro reddito imponibile, ad eccezione delle società di “piccole e medie dimensioni”, che sono soggette ad un’aliquota fiscale ridotta del 25%. L'aliquota fiscale ridotta si applica solo a quelle società che, insieme ad alcune entità "connesse", scendono al di sotto della soglia di fatturato aggregato di 50 milioni di dollari australiani.

Le misure di integrità garantiscono inoltre che una società non potrà beneficiare dell’aliquota ridotta a meno che il reddito passivo specificamente definito (inclusi, tra le altre cose, interessi, affitti e plusvalenze nette) che ne deriva non rappresenti più dell’80% del suo reddito imponibile totale per l'anno.

Dal 1° luglio 2022, un nuovo quadro fiscale e normativo si applica ai veicoli societari di investimento collettivo (CCIV). In termini generali, una CCIV è un tipo di società per azioni utilizzata per la gestione dei fondi e per la quale si applica la legge fiscale per garantire che i redditi e gli utili dell'entità siano tassati in modo continuo per gli investitori.

GLOBAL MINIMUM TAX E DOMESTIC MINIMUM TAX

L’Australia attuerà le norme globali anti-base erosion (GloBE), una componente chiave della soluzione a due pilastri dell’OCSE per affrontare le sfide fiscali della digitalizzazione dell’economia.

Nello specifico, il governo propone di adottare i seguenti elementi dell’imposta minima globale:

  • La regola di inclusione del reddito, che si applicherà per gli anni di reddito che iniziano a partire dal 1° gennaio 2024. Questa regola si applicherà alle multinazionali australiane e alle entità australiane che sono filiali di una multinazionale con sede all'estero situata in una giurisdizione che non ha implementato questa regola.

  • La regola sugli utili sottotassati, che si applicherà per gli anni di reddito che iniziano a partire dal 1° gennaio 2025. Laddove non si applica alcuna regola sull’inclusione del reddito, la regola sugli utili sottotassati si applicherà alle multinazionali straniere che operano in Australia.

Inoltre, il governo propone un’imposta minima nazionale del 15% da applicare agli anni di reddito che iniziano a partire dal 1° gennaio 2024. Questa tassa si applicherà alle operazioni australiane delle multinazionali e garantirà che l’Australia mantenga i diritti di tassazione sui profitti australiani sottotassati.

L’imposta minima globale e l’imposta minima nazionale si applicheranno alle grandi multinazionali con un fatturato globale annuo pari o superiore a 750 milioni di euro (EUR) (circa 1,2 miliardi di dollari australiani), fatte salve alcune esenzioni.

Imposta sui Consumi (GST)

Il governo federale riscuote l’imposta sui beni e servizi (GST) con un’aliquota del 10%. La GST è un'imposta sul valore aggiunto (IVA) applicata a ogni livello della catena di produzione e commercializzazione. Si applica alla maggior parte dei beni e servizi e i fornitori registrati ottengono crediti per la GST sui fattori produttivi acquistati per effettuare forniture imponibili. Le forniture di valuta digitale ricevono un trattamento GST equivalente alle forniture di denaro.

Il cibo, con alcune eccezioni significative, le esportazioni, la maggior parte dei prodotti sanitari, medici, per l'igiene femminile, il materiale didattico e alcune altre forniture sono "esenti da GST" (l'equivalente di "aliquota zero" in altre giurisdizioni IVA). Un fornitore registrato di una fornitura esente da GST può recuperare i relativi crediti d'imposta sugli acquisti, sebbene la fornitura non sia imponibile.

Gli affitti residenziali, la seconda o successiva fornitura di locali residenziali, la maggior parte delle forniture finanziarie e alcune altre forniture sono "tassate sull'input" ("esenti" in altre giurisdizioni IVA) e non sono soggette a GST. Tuttavia, il fornitore non può recuperare i relativi crediti d'imposta, ad eccezione dei fornitori finanziari che possono ottenere un credito d'imposta ridotto pari al 75% della GST sull'acquisizione di determinati servizi.

L’assicurazione sanitaria è esente da GST, l’assicurazione sulla vita è tassata a monte e l’assicurazione generale è tassata. L'"inversione contabile" può applicarsi a servizi o diritti forniti dall'estero, dove il destinatario è registrato o deve essere registrato e utilizza la fornitura esclusivamente o in parte per una fornitura non accreditabile.

La GST si applica alle forniture transfrontaliere di prodotti e servizi digitali importati da consumatori australiani. La GST è dovuta su determinate forniture di beni di basso valore (del valore pari o inferiore a 1.000 AUD) acquistati dai consumatori e importati in Australia.

Gli acquirenti di “nuovi locali residenziali” o di “terreni potenzialmente residenziali inclusi in un piano di lottizzazione immobiliare” sono tenuti a trattenere e versare all’ATO un importo a titolo di GST.

Cartel1.jpg
Cartel2.jpg

LA NOSTRA PRESENZA IN AUTRALIA

La nostra sede di Sydney può contare sul supporto di uno studio di Commercialisti e Revisori fondato nel 2012 composto da 6 Partners oltre a uno staff di 23 persone che operano quotidianamente negli ambiti della revisione, elaborazione delle buste paga, contabilità, assistenza fiscale e compliance. 

Necessiti di supporto in Australia?

 
Contattaci

0363 360254

info@studio-bcs.com

Persona Controllo del telefono
bottom of page