top of page

Argentina

La Repubblica Argentina si trova in Sud America, approssimativamente tra le latitudini 23°S (Tropico del Capricorno) e 55°S (Capo Horn). Le Ande separano il paese dal Cile a ovest, confina con la Bolivia e il Paraguay a nord e con il Brasile, l'Uruguay e l'Oceano Atlantico meridionale a est.

IVA
21%

CIT
25%

SSC
41%

CIT = Corporate Income Tax - corrispondente all'IRPEG

SSC = Social Security Contribution - corrispondente alla Contribuzione Sociale (Dipendente + Datore di Lavoro)

Economia

La popolazione e la cultura dell'Argentina sono state fortemente influenzate dagli immigrati provenienti da tutta Europa, ma in particolare dall'Italia e dalla Spagna, che hanno fornito la percentuale più alta di nuovi arrivati ​​dal 1860 al 1930. La Repubblica dell'Argentina è composta da 23 province più la città autonoma di Buenos Aires , la sua capitale. La lingua ufficiale dell'Argentina è lo spagnolo e la valuta è il peso (ARS). L’Argentina beneficia di ricche risorse naturali, una popolazione altamente alfabetizzata, un settore agricolo orientato all’esportazione e una base industriale diversificata.

Durante la presidenza di Mauricio Macri, il Paese è tornato sulla scena internazionale e nel 2018 l'Argentina ha presieduto il G20, un forum internazionale chiave con altri paesi per discutere e prendere decisioni sull'adozione di soluzioni concrete alle principali sfide della crisi globale.
Tuttavia, negli ultimi due anni della sua amministrazione (2018-2019), il Paese è entrato in recessione. Nel dicembre 2019, Alberto Fernández è entrato in carica come nuovo presidente dell'Argentina. Pertanto, dopo il forte calo dell’economia mondiale nel 2020, si prevedeva che il 2021 sarebbe stato un anno di ripresa. Nonostante l’economia si sia espansa nel 2022, una serie di squilibri macroeconomici hanno continuato ad avere un impatto sul paese. 

Image by Henrique Sosa

Fiscalità

 

La tassazione delle persone fisiche

Le persone fisiche residenti in Argentina sono tassati sul reddito mondiale e possono ottenere un credito d'imposta estero per le imposte pagate sui redditi provenienti da fonti estere.

I non residenti e i beneficiari stranieri sono tassati solo sul reddito di origine argentina.

Residenti e non residenti sono tassati con aliquote progressive sul reddito suddivise in 9 scaglioni che vanno dal 5% al ​​35%; tuttavia, si applicano aliquote fiscali speciali in caso di utili derivanti da titoli (inclusi dividendi), interessi e proprietà immobiliari.

Imposta sul reddito lordo

L'imposta sul reddito lordo è un'imposta provinciale applicabile ai lavoratori autonomi sul reddito lordo. L'aliquota fiscale media è del 4% nella capitale federale (la città di Buenos Aires), e aliquote simili sono applicabili nelle diverse province. I professionisti che non svolgono la loro attività sotto forma di società sono esenti dall'imposta sul reddito lordo nella città di Buenos Aires. L’imposta viene pagata presentando dichiarazioni dei redditi mensili.

La contribuzione sociale

La quota di contribuzione per la previdenza sociale del datore di lavoro è dovuta sul compenso mensile totale del dipendente e non è soggetta ad alcun importo massimo. Il contributo totale del datore di lavoro è pari al 26,4% per le imprese impegnate principalmente nella prestazione di servizi o nel commercio, a condizione che il loro fatturato annuo superi l'importo stabilito dal regolamento aggiornato annualmente (dal 1° aprile 2022: ARS 1.438.900.000 per i servizi e ARS 5.495.450.000 per il commercio ) e il 24% per tutte le altre società.

I datori di lavoro argentini sono esentati dal pagamento dei contributi previdenziali per i primi 7.003,68 ARS al mese per dipendente.

Le ritenute previdenziali dei dipendenti, che comprendono i fondi pensione, assistenza sanitaria e servizi sociali, sono dovute sulla retribuzione mensile, fino a un tetto mensile di ARS 548.651,90 (a partire dal 1 giugno 2022), ad eccezione di giugno e dicembre, dove il tetto è aumentato del 50% per la 13a mensilità. Questo tetto salariale viene adeguato all'indice dei prezzi a marzo, giugno, settembre e dicembre di ogni anno.

L'aliquota fiscale totale della previdenza sociale dei dipendenti è del 17%, composta da contributi dell'11% al fondo pensione, del 3% all'assistenza sanitaria e del 3% ai servizi sociali.

La tassazione delle persone giuridiche

In conseguenza di una recente riforma fiscale, l'aliquota dell'imposta sul reddito delle persone giuridiche per gli anni fiscali che iniziano a partire dal 1° gennaio 2021 è stata fissata come segue (indicizzata a partire dal 2023):

  • Reddito imponibile da ARS 0 a ARS 14.301.209,21: 25%.

  • Reddito imponibile da oltre ARS 14.301.209,21 a ARS 143.012.092,08: ARS 3.575.302,30 + 30% sulla parte che eccede ARS 14.301.209,21.

  • Imponibile superiore a ARS 143.012.092,08: ARS 42.188.567,16 + 35% sull'importo che eccede ARS 143.012.092,08.

Le persone giuridiche residenti in Argentina sono soggette a imposta sui redditi argentini e di origine estera. Le persone giuridiche residenti possono richiedere come credito d'imposta eventuali imposte simili effettivamente pagate all'estero su redditi di origine estera. L'aliquota fiscale si applica sul reddito netto determinato su base mondiale.

La riforma fiscale del 2021 ha anche introdotto una ritenuta alla fonte (WHT) sulle distribuzioni di dividendi e sulle rimesse degli utili delle filiali con un’aliquota del 7%.

La riforma fiscale del 2017 ha abolito la cosiddetta “imposta di perequazione” per gli utili generati negli anni imponibili che iniziano a partire dal 1° gennaio 2018. L’imposta di perequazione era una WHT riscossa con un’aliquota del 35% sulle distribuzioni di dividendi in eccesso rispetto alle entrate fiscali. L’imposta di perequazione, tuttavia, rimane applicabile sulle distribuzioni di dividendi e utili delle filiali effettuate con utili accumulati prima del 1° gennaio 2018 e che erano in eccesso rispetto agli utili fiscali alla fine dell’anno prima della relativa distribuzione.

I redditi di origine argentina (ad esempio royalties, interessi) ricevuti da entità straniere sono soggetti alla WHT con saldo completo e definitivo alla fonte.

Imposta sul Valore Aggiunto

L'IVA è imponibile sul valore delle vendite dei prodotti con poche esenzioni, sulla maggior parte dei servizi e sull'importazione di beni e servizi. L'aliquota IVA è del 21%, anche se alcuni articoli specifici sono soggetti ad un'aliquota del 27% o del 10,5%. Le dichiarazioni IVA hanno cadenza mensile.

L’aliquota maggiorata del 27% si applica ai “servizi di pubblica utilità” (ad esempio telecomunicazioni, gas domestico, acqua corrente, fognature ed energia) resi per immobili a scopo non abitativo.

Un'aliquota ridotta del 10,5% si applica a determinate transazioni, incluse (ma non limitate a) le seguenti:

  • Costruzione di alloggi.

  • Interessi e altri costi sui prestiti personali concessi ai consumatori finali da parte degli istituti finanziari.

  • Vendite e importazioni di bovini vivi.

  • Fornitura di pubblicità e pubblicità in alcuni casi specifici.

  • Qualsiasi trasporto di passeggeri operante all'interno del paese quando la distanza non supera i 100 km.

  • Assistenza medica in alcuni casi specifici.

  • Alcuni beni d'investimento, a seconda del codice dei dazi doganali.

L'IVA pagata sugli acquisti, sulle importazioni finali e sul noleggio di automobili non considerate rimanenze non può essere computata dall'acquirente come credito IVA. Lo stesso trattamento fiscale si applica ad altri servizi, come quelli forniti da ristoranti, alberghi e autorimesse.

A seguito della riforma fiscale del 2017, anche la legislazione sull'IVA è stata modificata per includere le "transazioni digitali" (ad esempio servizi digitali, hosting, supporto tecnico online, servizi software, servizi Internet) fornite dall'estero come evento imponibile. Pertanto, questi tipi di servizi sono ora soggetti a IVA con un'aliquota del 21% se vengono forniti da un'entità non residente a un cliente argentino, a condizione che siano effettivamente utilizzati in Argentina.

Esenzioni IVA
Sono esenti da IVA, tra le altre, le seguenti operazioni:

  • Vendita di libri, acqua naturale ordinaria, pane comune, latte, medicinali, francobolli, aerei utilizzati in attività commerciali e per la difesa o la sicurezza interna, navi o imbarcazioni acquistate dal governo nazionale.

  • Fornitura di determinati servizi, come i servizi resi dal governo (nazionale, provinciale o locale) o da istituzioni pubbliche; istruzione scolastica o universitaria impartita da istituti privati ​​soggetti a programmi educativi pubblici; servizi culturali forniti da istituzioni religiose; cure ospedaliere e mediche e attività connesse; servizi di trasporto di persone malate o ferite con veicoli appositamente progettati a tale scopo; biglietti per spettacoli teatrali, cinematografici, musicali ed eventi sportivi; la produzione e distribuzione di film cinematografici; trasporto locale di passeggeri (es. taxi, autobus) fino a 100 km; e trasporti internazionali.

  • Locazione di immobili ad uso abitativo.

Esenzione IVA all'importazione
Sono inoltre esenti da IVA le seguenti operazioni di importazione:

  • Importazione definitiva di beni che beneficiano dell'esenzione dai dazi doganali in regime speciale per turisti, scienziati e tecnici, agenti diplomatici, ecc.

  • Importazione finale di campioni e pacchi esenti da dazi doganali.

Regime di rimborso dell'IVA all'esportazione
Le esportazioni di beni e servizi sono trattate come transazioni a tasso zero. Tuttavia, l'IVA a monte relativa a queste operazioni può essere utilizzata come credito per l'IVA a valle o rimborsata secondo una procedura speciale.

I servizi resi all'interno del paese sono considerati esportazioni se sono effettivamente applicati o utilizzati economicamente al di fuori del paese.

Gli esportatori devono presentare una dichiarazione di esportazione alle autorità fiscali, segnalando i crediti IVA relativi alle loro esportazioni da rimborsare sull'IVA pagata in relazione alle operazioni di esportazione. Alla dichiarazione di esportazione deve essere allegata una relazione certificata da un Commercialista relativa al valore, alle registrazioni e alle altre caratteristiche relative alla restituzione.

Il credito d'imposta relativo alle esportazioni e ad altre attività imponibili può essere rimborsato solo in proporzione alle esportazioni e può essere completamente rimborsato fino a un limite massimo del 21% del valore del nolo a bordo (FOB) dei prodotti esportati.

Non esiste un metodo specifico indicato nella legislazione per l'assegnazione del credito d'imposta relativo alle esportazioni, ma i contribuenti possono utilizzare qualsiasi metodo di calcolo adatto al loro modello di business. Questo calcolo deve essere approvato dalle autorità fiscali.

Infine, è importante sottolineare che le autorità fiscali devono approvare il credito d'imposta da rimborsare.

Rimborso IVA sugli investimenti in progetti infrastrutturali e sull'acquisizione di beni strumentali
La riforma fiscale del 2017 ha istituito un opportuno meccanismo di recupero dell’IVA per i saldi a credito su determinate infrastrutture e investimenti in beni d’investimento, nella misura in cui le aziende non sono state in grado di recuperare l’IVA entro sei mesi.

Fatturazione elettronica
Tutti i contribuenti titolari di partita IVA sono obbligati ad utilizzare la fattura elettronica. Per poter richiedere questo regime è necessario ottenere l'autorizzazione da parte delle autorità fiscali. Di conseguenza, le autorità fiscali assegnano un Codice di Autorizzazione Elettronica (Código de Autorización Electrónico o CAE), che deve essere incluso in ogni fattura elettronica emessa.

LA NOSTRA PRESENZA IN ARGENTINA

La nostra sede di Buenos Aires può contare sul supporto di uno studio di Commercialisti e Revisori fondato nel 1998 composto da 2 Partners oltre a uno staff di 10 persone che operano quotidianamente negli ambiti della revisione, elaborazione delle buste paga, contabilità, assistenza fiscale e compliance. 

Necessiti di supporto in Argentina?

 
Contattaci

0363 360254

info@studio-bcs.com

Persona Controllo del telefono
bottom of page