DOTTORI COMMERCIALISTI

REVISORI CONTABILI

AVVOCATI

CONSULENTI DEL LAVORO

NON PERDERE L'OPPORTUNITA' DI INVESTIRE IN UN PAESE MERAVIGLIOSO

 

ma scegli il partner giusto per risolvere le complessità

 

L'Italia è solitamente nota per i suoi beni distintivi collegati alla bellezza del paese, ma l'Italia ha anche altro da offrire, come la sua cultura, la qualità della vita, le sue specificità regionali e geografiche, una mentalità imprenditoriale, un'attitudine all'innovazione e un ricco substrato di relazioni sociali. In breve: il marchio "Made in Italy". I numeri dimostrano che in molti casi gli investitori esteri hanno già beneficiato dei frutti di questo marchio, come partner di esportatori italiani.

Anche se ci siamo specializzati nell'espansione internazionale dei nostri clienti, rimaniamo sempre ben ancorati alle nostre origini, dove abbiamo il nostro headquarter e da dove coordiniamo tutte le nostre attività.

Un supporto quotidiano

Una volta che la vostra legal entity è stata debitamente costituita, ci possiamo occupare della gestione quotidiana della contabilità, degli adempimenti fiscali, della gestione del personale dipendente, della compliance e di tutti gli aspetti legali, grazie al supporto di esperti professionisti. Non dovrete ricercare commercialisti, avvocati e consulenti del lavoro in diversi studi: noi vi forniremo tutto il supporto necessario, così che voi possiate concentrarvi sul vostro business. 

Oltre ai servzi menzionati nel box qui a fianco, possiamo fornirvi un ampia gamma di servizi amministrativi e lagali anche collegati all'individuazione di target italiani ed esteri da acquisire e per la gestione dell'operazione e della successiva integrazione.

 

 

Come possiamo aiutarti
  • Assistenza alla costituzione di tutti i tipi di società

  • Costituzione di Uffici di Rappresentanza all'estero

  • Costituzione di sedi secondarie (branch) all'estero

  • Costituzione di filiali (subsidiary) all'estero

  • Consulenza per Joint Ventures 

  • Associazioni Temporanee di Imprese

  • Individuzione di partner commerciali all'estero

  • Supporto nelle operazioni di acquisizione 

  • Due-diligence contabile, fiscale, del lavoro e legale

  • Consulenza per redazione di accordi internazionali 

  • Consulenza in materia di Transfer Pricing e relativo contenzioso

  • Consulenza in materia di Stabile Organizzazione e relativo contenzioso

  • Consulenza per Expat 

  • Distacco di personale dall'estero 

L'Italia nell'economia internazionale

 

 

Rapporto ICE 2015 - 2016

La lunga e profonda recessione che ha colpito l’economia italiana si è conclusa nel 2015, lasciando il passo a una fase di ripresa debole e incerta, che 

tuttavia si avvale del ritrovato sostegno della domanda interna, premessa indispensabile per il suo possibile consolidamento. Le previsioni macroeconomiche
di consenso indicano una lieve accelerazione della crescita del Pil nel 2016, che dovrebbe consentire di ridurre il divario negativo rispetto all’Area dell’euro.
Si tratta tuttavia di stime elaborate prima dello shock generato dal referendum sull’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, le cui ripercussioni,
seppure ancora difficili da valutare nel quadro di grande incertezza sugli esiti effettivi della decisione inglese, che si espleteranno nell'arco di alcuni anni,
possono essere negative anche nel breve periodo.
La ripresa della domanda interna si è tradotta nel 2015 in una forte accelerazione delle importazioni di beni e servizi (+6 per cento), in particolare nelle
componenti dei prodotti energetici, degli input intermedi e dei beni d’investimento.
Tuttavia, il surplus corrente di bilancia dei pagamenti si è ulteriormente ampliato, raggiungendo il 2,2 per cento del Pil, avvantaggiandosi del forte calo dei prezzi delle materie prime importate. Vi ha contribuito anche l’accelerazione delle esportazioni che, favorite dal deprezzamento dell’euro, sono aumentate del 4,3 per cento nel 2015, nettamente al di sopra della domanda mondiale, pur continuando a crescere meno della media dell’Area dell’euro.
Complessivamente, il grado di apertura internazionale dell’economia italiana è ulteriormente aumentato nel 2015, ma è rimasto inferiore a quello degli
altri paesi europei di dimensioni comparabili, in particolare per quanto riguarda la penetrazione delle importazioni.

  • White Facebook Icon
  • White LinkedIn Icon
  • White Twitter Icon
  • White YouTube Icon
  • White Google+ Icon

 © 2019 BATINI COLOMBO SAOTTINI - IT02956020966